Statuto

Art. 1 - Denominazione
Art. 2 -Sede
Art. 3 -Domicilio
Art. 4 -Durata
Art. 5 -Finalità
Art. 6 -Patrimonio
Art. 7 -Soci
Art. 8 -Acquisto, perdita e sospensione della qualità di socio
Art. 9 -Soci sostenitori
Art. 10 -Soci Junior
Art. 11 -Organi
Art. 12 -Assemblea
Art. 13 -Convocazione e validità delle riunioni dell’Assemblea
Art 14 - Deliberazioni dell’Assemblea
Art. 15 - Comitato scientifico
Art. 16 - Comitato esecutivo
Art. 17 - Compiti del Comitato esecutivo
Art. 18 - Riunioni del Comitato esecutivo
Art. 19 - Compiti del Presidente
Art. 20 - Vice Presidenti
Art. 21 - Segretario generale
Art. 22 - Collegio sindacale
Art. 23 - Collegio dei Probiviri
Art. 24 - Bilancio e contabilità
Art. 25 - Norme di rinvio
Art. 26 - Clausola compromissoria

Art. 1
Denominazione
E’ costituita unAssociazione privata, indipendente, internazionale, apartitica e senzafini di lucro denominata “La Scuola di Atene”.

Art. 2
Sede
La sede legale dell’Associazione è attualmente in Roma,
Il Comitato esecutivo dell’Associazione può istituire in Italia edall’estero sedi secondarie e può successivamente sopprimerle omodificarle.

Art. 3
Domicilio
Il domicilio legale dei soci si intende eletto presso la sede
dell’Associazione.

Art. 4

Durata
La durata dell’Associazione è a tempo indeterminato.

Art. 5
Finalità
Finalità dell’Associazione è l’elevazione intellettuale spirituale e sociale dell’uomo.
Persegue pertanto la promozione e la diffusione dei risultati di studi,ricerche, corsi, seminari, convegni, nonché attraverso la produzione dimanifestazioni artistiche e culturali nei settori educativi, culturali,scientifici, artistici e dell’attualità politica ed economica a livellonazionale ed internazionale, che riguardano i temi con i quali siconfrontano la società contemporanea ed il singolo individuo.
Oltre ad organizzare l’attività propria, l’Associazione, nel quadro deipropri fini sociali, potrà collaborare all’organizzazione ed allosvolgimento di attività promosse da altri organismi italiani estranieri. Essa si avvale della cooperazione di esponenti italiani estranieri del mondo culturale, politico, scientifico, universitario,imprenditoriale, sindacale, artistico e religioso.
L’Associazione cura la pubblicazione, nelle diverse forme, e ladiffusione in Italia ed all’estero dei risultati delle ricerche da essapromosse e svolte in collaborazione con altri organismi o persone.

Art. 6
Patrimonio
Il patrimonio dell’Associazione è costituito:
- dallequote annuali dei soci ordinari e dei soci sostenitori e dei socijunior nella misura deliberata dall’Assemblea su proposta del Comitatoesecutivo;
- dai contributi versati dai soci e da terzi;
- da donazione e da lasciti;
- daproventi derivanti dalle proprie iniziative e da ogni altro eventualebene mobile od immobile a qualsiasi titolo acquisito dall’Associazione.

Art. 7
Soci
Possono far partedell’Associazione le persone fisiche e le persone giuridiche pubblicheo private, ammessi dal comitato esecutivo. I soci sono suddivisi inquattro categorie: soci ordinari, soci sostenitori, soci junior e socionorari.
I soci ordinari sono persone fisiche ed hanno diritto a parteciparedirettamente o su delega ad un altro socio ai lavori dell’Assemblea ead eleggere propri rappresentanti nel Comitato esecutivo.
Le persone giuridiche pubbliche o private sono soci sostenitori. Essisono rappresentati in Assemblea dai legali rappresentanti o da lorodelegati. Essi possono eleggere propri rappresentanti nel Comitatoesecutivo
I soci ordinari e sostenitori sono tenuti a versare le quote annuali edi contributi richiesti con delibera del Comitato esecutivo, e aprestare gratuitamente la loro opera, per il raggiungimento dei finidell’Associazione.
I soci junior sono tenuti a versare le quote annuali, nella misuraagevolata deliberata dal Comitato esecutivo per favorire la loroadesione all’associazione; essi partecipano al pari dei soci ordinariai lavori dell’Assemblea, e prestano gratuitamente la loro opera per ilraggiungimento dei fini dell’Associazione. Possono proporre al Comitatoesecutivo la nomina di un loro rappresentante nel Comitato stesso.
I soci onorari sono i soci fondatori e coloro che hanno rivestitocariche di Presidente, Vice presidente, Segretario generale e diSindaco, nonché coloro che, su nomina Assembleare, si sono resibenemeriti di attività che interessano l’Associazione.

Art. 8
Acquisto, perdita e sospensione della qualità di socio
La qualità disocio si acquista al momento dell’accettazione della relativa domandadeliberata dal Comitato esecutivo. Si perde per morte, per esclusione,per indegnità, per fallimento, per recesso e per estinzione.L’esclusione è deliberata dal Comitato esecutivo. Il recesso èconsentito a qualsiasi socio con il preavviso scritto di almeno tremesi, ma avrà effetto a partire dall’anno successivo. Sono comunqueirripetibili le somme a qualsiasi titolo versate all’Associazione.
Qualora un socio ordinario vada a ricoprire in seno ad un’azienda unadelle cariche previste per la rappresentanza del socio sostenitore, anorma dell’articolo precedente, il Comitato esecutivo potrà proporglidi essere sospeso dalla qualità di socio ordinario per tutta la duratadella sua permanenza nella carica aziendale.

Art. 9
Soci sostenitori
Sono socisostenitori le persone, gli enti e le associazioni che collaborino esostengano i programmi e le attività dell’Associazione. Il Comitatoesecutivo determina le modalità di adesione e quelle di nomina dei lororappresentanti in Assemblea e nel Comitato esecutivo.

Art. 10
Soci Junior
Sono soci juniori giovani appartenenti ai vari settori della vita sociale, culturale edeconomica che prestino la loro attività in Italia ed all’estero. Ilgruppo dei soci junior, attraverso le proprie iniziative ed ilcoinvolgimento nelle attività dell’Associazione, contribuisce allaformazione di una leadership europea informata e responsabile.
I requisiti di appartenenza alla categoria “soci junior” saranno determinati dal Comitato Esecutivo.

Art. 11
Organi
Sono organi dell’Associazione:

1. l’Assemblea;
2. il Comitato esecutivo;
3. il Comitato scientifico;
4. il Presidente;
5. i Vice presidenti;
6. il Segretario generale;
7. il Collegio sindacale;
8. il Collegio dei probiviri.

Tutte le carichesono gratuite. Al Segretario generale può essere riconosciuto uncompenso annuo nella misura determinata dal Comitato esecutivo.

Art. 12
Assemblea
L’Assemblea ècostituita da tutti i soci ordinari e sostenitori e dai soci onorari.L’Assemblea è la riunione dei soci in funzione deliberante. Essadefinisce i programmi di attività, approva lo statuto ed il bilancioannuale, delibera circa il numero dei componenti del Comitatoesecutivo, nomina e revoca il Presidente, i Vice presidenti, ilComitato esecutivo, il Collegio sindacale ed il Collegio arbitrale. Puòconferire, altresì, la carica di Presidente onorario ad illustripersonalità nazionali ed internazionali.
Delibera le modifiche all’atto costitutivo ed allo statuto, loscioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio.Delibera inoltre sugli argomenti attinenti alla gestione sottoposti alsuo esame dal Comitato esecutivo.

Art. 13
Convocazione e validità delle riunioni dell’Assemblea
L’Assemblea vieneconvocata almeno una volta all’anno per l’approvazione del bilancioconsuntivo. Va inoltre convocata quando se ne ravvisa la necessità oquando ne sia fatta richiesta motivata e sottoscritta da almeno unterzo del consiglieri del Comitato esecutivo.
La convocazione è effettuata dal Presidente o, in sua assenza oimpedimento, dal Vice presidente vicario, a mezzo lettera, fax o emailalmeno quindici giorni prima.
La riunione è valida se sono presenti, in prima convocazione, almeno lametà degli aventi diritto e almeno un terzo, in seconda convocazione.Partecipano all’Assemblea i componenti del Collegio sindacale.
L’Assemblea è presieduta dal Presidente o, in caso di assenza oimpedimento, dal Vice Presidente vicario o, in mancanza, dal socio piùanziano presente.
Spetta a chi presiede l’Assemblea costatare e far costatare la validitàdella seduta ed il diritto d’intervento dei partecipanti.
Il verbale della riunione è redatto dal Segretario generale, che losottoscrive insieme a chi presiede l’Assemblea. In assenza delSegretario generale l’Assemblea elegge un socio presente e gliaffida il compito di redigere il verbale.

Art. 14
Deliberazioni dell’Assemblea
L’Assembleadelibera, in seduta ordinaria ed in prima convocazione, con lamaggioranza dei soci aventi titolo. In seconda convocazione, ladeliberazione è valida con il voto della maggioranza dei soci presenti.Sono ammesse deleghe tra i soci.
Le delibere di modifica dello statuto, dello scioglimentodell’Associazione e della devoluzione del patrimonio a fini di utilitàsociale, sono assunte dall’Assemblea, in seduta straordinaria, con lapresenza, in proprio o per delega, della maggioranza dei soci aventititolo e con la maggioranza dei presenti.

Art. 15
Comitato scientifico
Il Comitato scientifico è nominato dall’Assemblea ed è composto da eminentipersonalità della scienza, della cultura, dell’arte, della politica edell’imprenditoria e di studiosi nell’ambito dei fini istituzionalidell’Associazione. Il Comitato, presieduto dal Presidentedell’Istituto, svolge funzioni consultive sugli indirizzi scientifici,sui programmi di studio e sulle iniziative culturali e didattichedell’Associazione, ha funzioni di stimolo e d’iniziativa nellapromozione di eventi, manifestazioni e cicli formativi.
Alle riunioni del Comitato possono essere invitati autorevoli personalità e studiosi italiani e stranieri.

Art. 16
Comitato esecutivo
Il Comitatoesecutivo è composto da quattro a dieci membri, eletti tra i soci, innumero proporzionale alle rispettive componenti sociali, dai sociordinari e dai soci sostenitori aventi titolo. Sono inoltre membri didiritto del Comitato esecutivo:

1. il Presidente onorario o un rappresentante dei soci onorari;
2. il Presidente
3. i Vice presidenti;
4. un rappresentante dei soci junior.

I membri delComitato esecutivo durano in carica tre anni ed alla scadenza possonoessere rieletti per non più di due successivi trienni.
Alle riunioni del Comitato esecutivo assistono i membri del Collegio sindacale.
Qualora ne corso del triennio vengano a cessare uno o più membri, lostesso Consiglio direttivo provvede alla cooptazione di nuovi membri insostituzione di quelli cessati. I nuovi componenti restano in caricasino alla scadenza del Comitato in carica.

Art. 17
Compiti del Comitato esecutivo
Il Comitatoesecutivo, sentito il Comitato scientifico, provvede allarealizzazione dei programmi e delle attività dell’Associazione secondogli indirizzi deliberate dall’Assemblea ed amministra il patrimoniodell’Associazione.
Il Comitato esecutivo ha i più ampi poteri e facoltà per la gestioneordinaria e straordinaria, ad eccezione di quelli che la legge e lostatuto riservano all’Assemblea. Compie tutti gli atti necessari perconseguire i risultati ed può delegare parte dei suoi poteri alSegretario generale.

In particolare, il Comitato esecutivo:

1. propone all’Assemblea le modifiche statutarie;
2. delibera sull’ammissione di nuovi soci;
3. delibera la sospensione e l’esclusione di soci;
4. propone all’Assemblea le candidature di Presidente e dei Vice presidenti;
5. nomina e revoca il Segretario generale e ne determina l’eventuale compenso annuo;
6. sottopone all’Assemblea per l’approvazione il programma annuale di attività;
7. esamina ed approva il bilancio preventivo predisposto dal Segretario generale;
8. propone all’Assemblea la misura delle quote annuali da porre a carico dei soci;
9. esaminail bilancio consuntivo predisposto dal Segretario generale, redige larelazione di accompagnamento e, unitamente a quella del Collegiosindacale, trasmette per l’approvazione all’Assemblea;
10. delibera,su proposta del Segretario generale, sulle liti, sul rilascio difideiussioni e di garanzie reali, nonché sulla richiesta di prestiti oaffidamenti bancari.

Art. 18
Riunioni del Comitato esecutivo
Il Comitatoesecutivo si riunisce, su convocazione del Presidente o in sua assenzao impedimento da uno dei Vice presidenti, o quando ne faccia richiestaalmeno un terzo dei suoi componenti. Nelle riunioni del Comitatoesecutivo i componenti non possono farsi rappresentare mediante delega.
La convocazione avviene mediante lettera, telefax o email, da inviarsia ciascun componente almeno tre giorni prima di quello della riunione,contenente l’indicazione del giorno, dell’ora e del luogo dellariunione e l’elenco degli argomenti da trattare.
La seduta si considera valida se è presente almeno la metà più uno deicomponenti in carica e delibera a maggioranza del presenti. In caso diparità prevale il voto del Presidente della riunione.
La seduta è presieduta dal Presidente o in caso di assenza oimpedimento da uno dei Vice presidenti o, in mancanza, da un membro atal fine eletto dai presenti.
Il verbale della riunione è redatto dal Segretario generale che fungeda segretario, che lo sottoscrive insieme a chi presiede la seduta.
In caso d’urgenza il Comitato esecutivo può essere convocato anchetelefonicamente, con preavviso di almeno 24 ore. La seduta si consideravalida, anche se non ritualmente convocata, se sono presenti tutti icomponenti.

Art. 19
Compiti del Presidente
Il Presidente hala rappresentanza legale dell’Associazione; promuove contatti erelazioni al fine di assumere tutte le iniziative necessarie arealizzare gli scopi sociali. Sovrintende a tutte le attività pergarantire la loro rispondenza alle finalità istituzionali. Presiede econvoca l’Assemblea ed il Comitato esecutivo.
Dura in carica un triennio ed èd è rieleggibile. In caso di assenza oimpedimento le sue funzioni spettano al Vice Presidente vicario.

Art. 20
Vice Presidenti
L’Assemblea puòeleggere da uno a tre Vice presidenti. Essi durano in carica perun triennio e sono rieleggibili. Quando sono in carica più di unVice Presidente, uno di essi avrà funzioni vicarie del Presidente ed unaltro avrà funzioni di tesoriere e sovrintenderà alla gestionefinanziaria dell’Associazione.

Art. 21
Segretario generale
Il Segretariogenerale è nominato dal Comitato esecutivo su proposta del Presidente,dura in carica per un triennio e può essere riconfermato. Il Segretariogenerale ha la responsabilità della gestione dell’Associazione, essendoa lui attribuiti tutti i poteri necessari per garantire il corretto eregolare funzionamento dei servizi.
Il Segretario generale è responsabile finanziario ed amministrativodell’Associazione ed opera in conformità al bilancio preventivo ed alledelibere del Comitato esecutivo, di concerto con il Presidente e con iVice Presidenti, e sotto il controllo del Collegio sindacale.

In particolare il Segretario generale:

1. provvede all’ordinamento degli uffici e del personale;
2. proponeal Comitato esecutivo lo schema di programma annuale delle attività conil relativo fabbisogno finanziario, sulla scorta delle stime delpreconsuntivo e del progetto di bilancio di previsione;
3. coordinae dirige la gestione dell’Associazione, nell’ambito dei programmi diattività e degli indirizzi e delle decisioni adottate dal ComitatoEsecutivo, nel rispetto del vincolo di bilancio;
4. esercita in caso d’urgenza i poteri del Comitato esecutivo, salvo ratifica nella prima riunione successiva;
5. curala tenuta dei registri obbligatori e, d’intesa con il Vice Presidentetesoriere, la gestione della tesoreria generale, assicurandosi chesiano mantenuti aggiornati i libri e le scritture contabili;
6. sottopone al Comitato esecutivo per l’approvazione i rendiconti trimestrali delle spese e degli incassi;
7. proponeal Comitato esecutivo, d’intesa con il Vice Presidente tesoriere, lamisura delle quote sociali annue e l’eventuale misura di contributistraordinari a carico dei soci, nonché la misura del contributo diammissione dei nuovi soci

Art. 22
Collegio sindacale
Il Collegio sindacale si compone di tre o di cinque membri eletti dall’Assemblea. Il Collegio elegge nel suo seno il Presidente.
Il Collegio sindacale dura in carica per un triennio e i suoi componenti possono essere riconfermati.
Il Collegio esercita il controllo sulla regolarità della gestioneeconomica e contabile dell’Associazione. Esegue verifiche trimestrali eredige le relazioni sul bilancio di previsione e sul contoconsuntivo.

Art. 23
Collegio dei Probiviri
Il Comitatoesecutivo può costituire e nominare il Collegio dei probiviri, compostoda tre membri, quale organo consultivo con il compito di esprimerepareri non vincolanti in ordine ai provvedimenti di nomina, conferma,sospensione temporanea ed esclusione dei soci.

Art. 24
Bilancio e contabilità
L’esercizio sociale ha inizio il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ciascun anno.
Il bilancio di previsione viene predisposto dal Segretario generale edeve essere deliberato dal Comitato esecutivo prima dell’inizio diciascun esercizio. L’eventuale avanzo di gestione è reinvestito edestinato a finanziare le spese di funzionamento e le attivitàistituzionali.
Il conto consuntivo è predisposto dal Segretario generale, approvatodal Comitato esecutivo ed approvato dall’Assemblea entro quattro mesidalla fine dell’esercizio.
Il Segretario generale cura altresì tutti gli adempimenti previsti dalle norme civili, amministrative, contabili e fiscali.

Art. 25
Norme di rinvio
Per tutto quantonon previsto dal presente statuto valgono le disposizioni contenutenelle leggi e nei regolamenti che disciplinano le associazioni, inquanto applicabili.

Art. 26
Clausola compromissoria
Qualsiasicontroversia dovesse insorgere fra i soci e fra questi e l’Associazioneo fra uno o più componenti degli organi dell’Associazione el’Associazione verrà definitivamente risolta da un Collegio di trearbitri, nominati dal Comitato esecutivo tra i soci dell’Associazione.Il Collegio dura in carica per un triennio e può essere riconfermato.
La parte che intenda adire l’arbitrato dovrà farne richiesta, a mezzoraccomandata A.R., nella quale dovranno essere indicati i quesiti daproporre al Collegio.
Il Collegio arbitrale darà la propria decisione senza essere tenuto adalcuna norma procedurale, fatto salvo il contraddittorio, entro iltermine di novanta giorni dalla ricezione della richiesta. Il terminepuò essere prorogato per una sola volta e per non più di novanta giorniove il Collegio lo ritenga necessario, salvo deroga con il consensodelle parti. La decisione verrà data secondo equità ed avrà valore ditransazione tra le parti. Sede dell’arbitrato sarà Roma.
Nella domanda di ammissione a socio l’aspirante dichiarerà di accettare espressamente la presente clausola.

150 anni dall’unità d’Italia

Catechesi per i 150 anni dall’unità d’Italia
Raccolta di scritti

a cura di Dante Piazza